W-Sitting nei bambini: quali conseguenze?

Salute
martedì 21 marzo 2017

W-Sitting nei bambini: quali conseguenze?

Oggi parliamo di W-Sitting nei bambini, una posizione frequente che può avere degli effetti negativi. Ne abbiamo parlato con Anna Fulvio, Fisioterapista dello staff Kukupà

Cosa è la seduta a “W”?
E’ una seduta adottata dai bambini piuttosto spesso. Si siedono sul sedere ed hanno le ginocchia piegate e ruotate, che assumono una configurazione a "W"

La posizione a “W” sembra piacere molto ai bambini. Anna, perché è così frequente?
La posizione detta a “W” è una posizione che dà ai bambini una forte sensazione di stabilità e gli consente di giocare o conoscere il mondo avendo le mani libere.

Quali effetti negativi la seduta a “W” potrebbe avere?
E’ una posizione che ai bambini è molto comoda. Ma le conseguenze possono essere diverse e abbastanza negative, come l’insorgenza di problematiche ortopediche, pigrizia nello sviluppo posturale, della lateralità, dell’equilibrio e della coordinazione. Inoltre potrebbe favorire la lussazione d’anca o la lassità articolare. Infine, nei bambini con problematiche neurologiche, può incoraggiare gli schemi motori patologici.

Perché è preferibile prevenire la seduta a “W”?
Ai genitori consiglio di porre attenzione alle posizioni che i bambini assumono. Aiutarli a non assumere una seduta a “W” sicuramente ha benefici in termini di corretto sviluppo motorio del tuo bambino.

Chi volesse porre dei quesiti sul tema alla nostra FISIOTERAPISTA può farlo scrivendoci all'indirizzo info@KukupaNEW

Clicca e visualizza la scheda informativa

Torna all'archivio