Cosa fare al mio bambino in caso di tosse, raffreddore, affezioni bronchiali

Salute
mercoledì 21 giugno 2017

Cosa fare al mio bambino in caso di tosse, raffreddore, affezioni bronchiali

La presenza di muco ostruttivo nella cavità nasale può essere un problema significativo per i bambini, in quanto limita le importanti funzioni di ventilazione e difesa che il naso svolge.

Può favorire l’instaurarsi di infezioni, portando allo sviluppo di sintomi particolarmente fastidiosi e debilitanti.

Le infezioni delle alte vie respiratorie sono condizioni comuni in età pediatrica: nei bambini le vie aeree, per le loro caratteristiche anatomiche e funzionali, rappresentano una via preferenziale all’insorgenza di stati infettivi.

L’incidenza è massima nei primi due anni di vita (6÷7 episodi/anno) e si riduce gradualmente in età prescolare (4÷5 episodi/anno) e scolare (circa 3 episodi/anno). Il 75% degli episodi infettivi è a carico delle vie aeree superiori e di essi l'80% è ad eziologia virale.

In caso di infezioni ricorrenti può esser utile contattare un fisioterapista specializzato in ginnastica respiratoria, che interverrà nella gestione e il controllo della sintomatologia derivante dalle infezioni delle alte vie respiratorie.

Il fisioterapista potrà eseguire ed insegnarvi tecniche di drenaggio meccanico dei muchi, tecniche per il miglioramento della meccanica ventilatoria oppure potrà consigliarvi e insegnarvi il lavaggio (irrigazione) nasale.

Torna all'archivio