Asma nei bambini: legami con la gravidanza?

Salute
mercoledì 11 gennaio 2017

Asma nei bambini: legami con la gravidanza?

 

Quello che fa e assume la mamma in dolce attesa ha conseguenze sulle malattie che i bambini svilupperanno una volta nati. Una conferma giunge dallo studio condotto da ricercatori delle Università di Edimburgo e di Tampere (in Finlandia), che hanno trovato un nesso fra l’uso di antiacidi in gravidanza e lo sviluppo dell’asma nell’infanzia.

Moltissime donne in la gravidanza soffrono di reflusso gastroesofageo per via dei tanti cambiamenti ormonali in corso e della pressione sullo stomaco del feto che cresce.

Lo studio, apparso sulla rivista Journal of Allergy and Clinical Immunology, segnala che le donne che hanno assunto antiacidi durante la gestazione hanno messo al mondo bambini che con maggiore probabilità hanno avuto bisogno di un consulto medico nell’infanzia, a causa dell’asma.

Gli autori dello studio hanno revisionato i dati relativi a 8 lavori di ricerca precedenti sull’argomento, ed analizzato informazioni su oltre 1,3 milioni di bambini, consultando anche i tabulati nei quali erano inseriti i farmaci prescritti alle mamme di questi bambini, in gravidanza. I ricercatori europei hanno scoperto che le donne che hanno assunto farmaci per bloccare i fenomeni di acidità (es. gli inibitori della pompa protonica), hanno messo al mondo bambini che hanno avuto circa un terzo di probabilità in più di necessità per un controllo medico durante l’infanzia, per affrontare il problema dell’asma.

Resta da capire se sono gli antiacidi a causare un aumento della probabilità di sviluppare asma o se a farlo, è la patologia reflusso gastroesofageo in gravidanza. Di sicuro lo studio pone nuovi interrogativi ed impone nuove indagini per una migliore prevenzione dell’asma nei bambini.

Torna all'archivio