"TUMMY TIME" o tempo di giochi sul pancino

Consulenze Online
giovedì 13 luglio 2017

"TUMMY TIME" o tempo di giochi sul pancino

Tummy time significa “tempo sul pancino”, vuol dire mettere il lattante sulla pancia quando non è ancora in grado di stare seduto e di gattonare.

Il bimbo deve giocare con i componenti della famiglia e in particolare con la mamma. Questo è il tummy time, uno dei momenti del gioco più importanti per il fisiologico sviluppo del bebè da 0 a 9 mesi, fino a quando non impara a gattonare e a esplorare il mondo che lo circonda.

E’ molto importante che durante il tummy time il bambino sia sveglio e vigile ed al suo fianco vi sia sempre un adulto a monitorarlo.

È possibile iniziare a posizionare il bambino a pancia in giù sin dai primi giorni. In un primo momento,lo si può fare appoggiando il bambino sul proprio petto. Successivamente sarà necessario lasciarlo per più tempo pancia in giù.

È stato ampiamente dimostrato che interagire con il bambino durante il tummy time, ad esempio giocando e parlando con lui, cantandogli canzoncine, facendogli le boccacce e tutte quelle cose che sembrano sciocche e stupide ma che vengono tanto naturali alle neomamme, da una parte favoriscono il legame mamma-bambino e dall’altra stimolano il bebè così che non si annoia né si sente frustrato per essere abbandonato su un tappeto o una coperta.

Il National Institute of Child Health & Human Development americano afferma, e perciò raccomanda, che il tummy time è uno dei momenti fondamentali per lo sviluppo ed il rafforzamento dei muscoli della testa, del collo e nuca e delle spalle, aiuta a evitare la plagiocefalia o appiattimento di alcune parti della testa, a cui facilmente va incontro il lattante a causa della plasticità del cranio. Ma il tummy time aiuta a rinforzare anche i muscoli delle gambe, così che il bambino impara a sviluppare capacità motorie come il rotolone o rotolamento, impara a raggiungere e conquistare i suoi giochi preferiti, posti vicino a lui e facendo leva sulle sue gambe impara infine a gattonare bene.

Torna all'archivio