Neonato e cane in casa: che fare quando arriva un bebè?

Altro
lunedì 27 febbraio 2017

Neonato e cane in casa: che fare quando arriva un bebè?

Quando arriva in casa un secondogenito i genitori cercano di preparare al meglio il proprio primo figlio. Con la stessa cura bisognerebbe preparare anche i nostri cani all’arrivo di un bebè in casa.

Che sia gelosia o meno, anche gli animali domestici che abitano nelle nostre case possono essere sconvolti dall’arrivo di un bebè in casa. E’ quindi importante seguire alcune regole d’oro che aiuteranno i bambini ad accettare di buon grado il nuovo arrivato e a renderli amici inseparabili.

Prima della nascita - cerchiamo di preparare il nostro cane all'arrivo di un neonato prima ancora che il bebé entri effettivamente in casa. Perché un cane in casa è come un figlio unico. Gli esperti consigliano di posizionare in casa alcuni oggetti che serviranno al piccolo come la culla, la carrozzina, il fasciatoio. Si tratta di un preparazione anticipata dell'ambiente che può essere molto utile. Inoltre, è consigliabile che il primo incontro tra neonato e cane avvenga all'aperto, evitando che il cane si senta un "intruso" tra le mura domestiche. Una volta fatte le presentazioni all'aperto, si potrà salire in casa tutti insieme.

All’arrivo del bebè in casa - cercare di rendere il rapporto cane-neonato positivo sin dal primo momento, facendo partecipare il cane alla routine giornaliera del bebé, premiandolo spesso (con coccole, biscottini, giochi) in presenza del bebé, evitando di punirlo in presenza del neonato. In quest'ultimo caso, il cane potrebbe associare l'arrivo del bambino a una situazione negativa e ostile per la sua esistenza. Altra regola importante è non sconvolgere la routine a cui i cani sono abituati e non escluderlo dalla vita familiare: è, infatti, forte la tentazione di escludere il cane dalla vita quotidiana del bebé per timore che l'animale possa in qualche modo far male al piccolo.

E’ ovvio che il bambino non sia mai lasciato solo con il cane in una stanza o all’aperto. Ma è altrettanto importante che l'animale partecipi alla vita quotidiana del bebé. E, si consiglia di far assistere il cane al cambio del pannolino, al bagnetto, alle poppate. Non facendogli mai mancare coccole e attenzioni (carezze, piccoli premi), le stesse che gli si riservavano prima della nascita dei bambini. A tal proposito, può essere utile intensificare le uscite e le passeggiate per premiare il cane e fargli sentire che il tempo dedicato a lui non è diminuito.

Quando il cane si avvicina al bambino per conoscerlo, lasciamo agire liberamente, senza paura di aggressioni. Accogliete questo desiderio del vostro cane, mantenendo sempre il piccolo in sicurezza. Il cane non va allontanato quando cerca di avvicinarsi al bambino ma non va nemmeno costretto a stare a tutti i costi insieme al piccolo.

Non tutti i cani sono uguali. Alcuni di questi non sono abituati a socializzare o hanno alle spalle esperienze dolorose e traumatiche. Sebbene il rapporto cane-bambino sia naturale e tende a diventare molto profondo e intenso nel tempo, tuttavia può essere utile farsi affiancare da un esperto prima della nascita del piccolo.

Far crescere un bimbo con un amico a 4 zampe in famiglia, significa donargli alcune opportunità in più per sperimentare il valore dell'amicizia e dell'amore disinteressato, insegnargli il rispetto verso gli altri, come tra fratelli e sorelle.

La sicurezza prima di tutto: cercare di rispettare SEMPRE due regole fondamentali per la sicurezza dei vostri figli

1. 1uando il bambino è molto piccolo non lasciatelo mai solo con il cane: qualora non fosse possibile supervisionare la situazione, è fondamentale intervenire utilizzando gli appositi cancelletti per mantenere il bimbo in sicurezza.

2. quando i bimbi iniziano a muoversi per casa, evitate che possa entrare in contatto con gli oggetti "personali" del cane (la ciotola con il cibo, la cuccia o i suoi giochi). A questo scopo, può essere efficace creare uno spazio inviolabile riservato all'animale.

Torna all'archivio