L’importanza della colazione nei bambini

Alimentazione
martedì 3 ottobre 2017

L’importanza della colazione nei bambini

 

La nostra società ci impone spesso ritmi frenetici che poco si sposano con il rispetto di tempi adeguati per mangiare. Spesso non ci fermiamo a mangiare con calma, già dalla prima colazione del mattino.

Un'analisi dell'Osservatorio nutrizionale Grana Padano (Ogp) sulle abitudini alimentari di bambini e adolescenti segnala che con l'aumentare dell'età, il numero di pasti giornalieri tende a decrescere, mentre aumenta l’assunzione di bevande zuccherate.

Questo studio, inoltre, rivela che il 20% dei ragazzi tra 14 e 17 anni salta la colazione, mentre sotto i 6 anni la percentuale scende al 5%.

Spuntini e merende diminuiscono con l’aumentare dell’età: il 22,1% al di sopra dei 14 anni tende a fare solo 3 pasti al giorno – al di sotto dei 6 anni, la percentuale è del 4,2%.

Altro dato allarmante è che il 50% degli adolescenti abusa di bevande zuccherate, anche durante i pasti principali e invece riserva poca attenzione ad alimenti importanti come il pesce, frutta e verdure.

Uno studio pubblicato sulla rivista European J. Clinical Nutrition dimostra che bambini e ragazzi che saltano la prima colazione hanno minore memoria visiva, capacità d’attenzione e performance cognitiva al mattino.

Tra i 4 ei 10 anni, i bambini hanno bisogno del glucosio in quantità maggiore (il doppio) rispetto agli adulti. "La prima colazione è un pasto fondamentale per tutti ed in particolare per bambini e ragazzi in età scolare – spiega Claudio Maffeis, direttore dell'Unità Operativa Complessa di pediatria ad indirizzo diabetologico e malattie del metabolismo dell’università di Verona – È provato che saltare il primo pasto importante della giornata riduce la capacità di concentrazione e priva i ragazzi dell'energia necessaria per la mattinata. Al contrario, una colazione bilanciata è in grado di fornire l'energia e i nutrienti necessari al cervello per avere una buona attenzione ad affrontare nel migliore dei modi l'attività scolastica".

Torna all'archivio